mercoledì 24 aprile 2013

Upavasa - il digiuno che cura.

Non sono ancora arrivata ai miei giorni di digiuno, prima voglio completare la dieta e poi passare all'ABC. 

Il digiuno lo facciamo principalmente per ingerire poche kcal, ma se io vi dicessi che fa bene? 

Fa bene FUORI
e fa bene DENTRO.

Non vi dimenticate mai della vostra anima, così come vi dedicate al vostro corpo. 

Vi copio e incollo qualcosa trovata su internet: 


Digiunando un giorno alla settimana – questa è la frequenza ottimale per il riposo alimentare totale – offriamo al corpo il tempo necessario per la rigenerazione e purificazione. L’uso dell’acqua, almeno 1,5 litri in 24 ore, è obbligatorio per evitare la disidratazione del corpo e il blocco renale. Quelli che si sentono spossati durante il digiuno, oppure dopo, devono bere più acqua rispetto al solito (3 oppure 4 litri). La cosa migliore è cominciare il digiuno la sera, fare digiuno l’intero giorno successivo e mangiare solo nella giornata seguente, la mattina.

Questo tipo di digiuno è indicato come cura di disintossicazione, essendo la terapia più forte e con gli effetti più rapidi sia per la guarigione del corpo che dell’anima. Rappresenta una modalità essenziale, non solo per la guarigione, ma anche per la trasformazione spirituale dell’essere. Praticamente, possiamo affermare che il digiuno agisce a livello di tutte le strutture dell’essere, cominciando da quelle più sottili e, attraverso la risonanza, anche a livello fisico.



[preso da qui ]



Molte persone quando si avvicinano all'idea di praticare i digiuni, temono di andare incontro a svenimenti, cali di pressione drammatici, o altre sciagure imprevedibili ma un digiuno di un giorno non comporta questi problemi. Semmai procura una pausa di riposo all'organismo. Durante le 36 ore di un digiuno yogico tipico, il corpo può dedicarsi a raccogliere le tossine accumulate nei tessuti dei vari organi per poterle successivamente eliminare attraverso gli organi emuntori (reni, intestino, ecc.)
Il senso di disagio che alcune persone sperimentano durante i primi digiuni, è causato proprio da questo lavoro di pulizia, il sangue infatti, per alcune ore funge da veicolo per l'eliminazione delle tossine, e ci si sente affaticati e appesantiti. Dopo i primi digiuni questa sensazione scompare per lasciare posto ad un senso di leggerezza e vitalità. In effetti siamo abituati a mangiare molto di più rispetto al vero fabbisogno dell'organismo: colazione, merendina, pranzo, merendina, cena, ecc

1 commento:

Barbarawantstobeskinny ha detto...

Umberto veronesi digiuna un giorno a settimana :) comunque, proprio per questa cosa del l'eliminazione delle tossine bisogna stare molto molto attenti. Una persona che passa dal cibo spazzatura al digiuno da un giorno all'altro, fa male, e rischia grosso. Questo perché le tossine sono così tante e vanno così velocemente e in grande quantità nel sangue da poterlo ostruire e provocare un infarto o altro danno MORTALE. Si consiglia di iniziare una dieta di transizione prima di io digiuno, una dieta che può durare anche mesi, in cui assumere solo cibi sani come frutta, verdura, cereali integrali, e niente proteine o derivati animali ( il che fa al caso tuo che dei vegetariana). Ovviamente impossibile morire per un digiuno di un giorno...io stessa ho digiunato due giorni e mezzo, ma stavo veramente male...poi ho letto questa cosa del processo di disintossicazione che viene fatto troppo velocemente e mi sono spaventata! Comunque un giorno a settimana non fa male di sicuro, basta non diventi di più se prima si mangiava da schifo.